BONUS EDILIZI TENDE DA SOLE 2022



La legge di bilancio ha prorogato i bonus fiscali sul risparmio energetico e le ristrutturazioni edilizie, che permettono di recuperare parte del costo sostenuto nel rinnovare edifici dal punto di vista strutturale ed energetico. In questo articolo mi concentro sui bonus riguardanti l'installazione di tende da sole e pergole, sia in fase di ristrutturazione che di semplice nuova installazione.


I bonus si dividono principalmente in tre tipologie per importi fino a 60.000€:



- Detrazione d'imposta del 50% in 10 anni;

E' il metodo più semplice dal punto di vista burocratico, ma il più lungo da recuperare. Consente di recuperare il 50% del costo sostenuto in 10 rate di pari importo nella dichiarazione dei redditi dei 10 anni successivi alla fine lavori. Bisogna semplicemente accertarsi che il cliente finale abbia capienza IRPEF sufficiente a recuperare le quote e verificare i requisiti previsti (vedi sotto).



- Sconto diretto in fattura;

Permette di usufruire immediatamente dello sconto del 50% della fattura di installazione delle tende da sole. Tuttavia è il metodo più complicato e costoso dal punto di vista burocratico, in quanto l'importo della detrazione costituisce credito d'imposta per l'installatore che se ne deve fare carico (quindi deve verificare lui stesso di avere capienza IRPEF nei 10 anni successivi) oppure deve cedere il credito ad un soggetto terzo, come un istituto bancario che applicherà' una commissione, normalmente non inferiore al 25%.


- Bonus edilizio del 110%

In questo caso il bonus è legato alla ristrutturazione completa dell'edificio dove viene installata la tenda da sole, quindi la spesa totale degli interventi volti a migliorare l'efficienza energetica dell'immobile (schermature solari comprese) verrà poi rimborsata dallo stato tramite credito d'imposta da cedere ad un soggetto terzo (istituto bancario).


REQUISTI PREVISTI PER USUFRUIRE DEL BONUS TENDE DA SOLE


Possono usufruire dei bonus tende da sole tutti i soggetti che:

- sono proprietari di una singola unita immobiliare residenziale;

- sono proprietari di parti comuni di edifici residenziali (condomini);

- sostengono le spese di riqualificazione energetica sull'unità immobiliare;

- possiedono il diritto reale sull'edificio interessato.


REQUISITI DELLE TENDE DA SOLE PER IL BONUS FISCALE



I requisiti necessari ad ottenere il bonus fiscale sulle tende da sole sono indicati dall'ENEA, in particolare l'Ente specifica che le schermature devono essere:


- Applicate in modo solidale con l'edificio e non devono essere liberamente smontabili dall'utente;

- Devono essere installate a protezione di una superificie vetrata e montate all'interno o all'esterno della struttura;

- Devono essere tende mobili, quindi non strutture fisse (es. tettoie o pannelli fissi);

- Avere la certificazione del produttore sul valore GTOT di schermatura solare.


I limiti imposti sono di 60.000€ di spesa totale dell'installazione, oltre al limite di 230€ al metro quadro per ogni tenda installata.


ASSISTENZA NELLA RICHIESTA DEI BONUS TENDE DA SOLE


Per ottenere il bonus è necessaria l'assistenza di un professionista. Diciamo che dal punto di vista dell'installatore della schermatura solare non ci sono grossi problemi se il cliente finale chiede il bonus del 50% in 10 anni oppure usufruirà del Bonus 110%, in quanto il suo lavoro consisterà nella vendita e installazione della tenda da sole e nella consegna dei documenti accompagnatori (certificato di conformità, fattura con indicazione del valore GTOT) all'interessato, che provvederà a inviare all'ENEA il tutto (tramite il professionista) per ottenere il bonus, Cosa diversa è lo sconto in fattura, in quanto il venditore si fa carico del credito d'imposta corrispondente al 50% della fattura di vendita della schermatura solare installata: in questo caso dovrà scegliere se recuperare la quota tramite deduzione d'imposta (quindi deve esserci capienza IRPEF) oppure dovrà cedere il credito ad un istituto bancario rimettendoci la percentuale prevista.

La normativa riguardante la cessione del credito è soggetta a cambiamenti continui nel corso del 2022, dovuta all'esaurimento dei fondi disponibili stanziati dallo stato e all'esaurimento delle risorse degli istituti di credito destinate a tale scopo.

In questa situazione è opportuno avere tutte le informazioni necessarie da parte dei fornitori del prodotto e da eventuali intermediari per essere in grado di consigliare il proprio cliente sulla scelta migliore in fase decisionale.








Post recenti

Mostra tutti